Accreditamento istituzionale

La nuova Legge federale sulla promozione e il coordinamento del sistema universitario svizzero (LPSU) impone a tutte le istituzioni universitarie l’accreditamento istituzionale (art. 27 e seguenti), prerequisito per ottenere la denominazione di “Scuola universitaria” e beneficiare dei relativi contributi federali.

L’accreditamento, riconoscimento formale della competenza tecnica e organizzativa, è una procedura delegata all’Agenzia svizzera di accreditamento e garanzia della qualità (AAQ), subordinata al Consiglio svizzero di accreditamento. Lo scopo dell’accreditamento  istituzionale è di attestare e garantire la qualità della Scuola universitaria nello svolgimento delle sue attività.

Il termine fissato dalla LPSU per l’accreditamento istituzionale è il 31 dicembre 2022.

 

Voce narrante: Elisabetta Lazzaroni

 

Il sistema di garanzia della qualità è valutato sulla base di standard di qualità riferiti a un insieme di processi chiave, che la SUPSI ha raggruppato per coerenza e affinità in 4 contesti operativi:

  • la strategia;
  • i mandati istituzionali con la formazione, la ricerca e le prestazioni di servizio;
  • la governance e gestione;
  • le risorse e i portatori d’interesse.

Fasi della procedura

La procedura di accreditamento si divide in 5 fasi:

  1. La prima fase è quella dell’autovalutazione da parte della SUPSI. Si tratta di un processo partecipativo che vede, con un grado diverso di coinvolgimento, il contributo di collaboratoristudentialumni e membri delle commissioni consultive e che permette di identificare punti di forza e criticità al fine di ottenere un piano di azione.
  2. La seconda fase consiste nella visita dell’Agenzia svizzera di accreditamento e garanzia della qualità (AAQ). La commissione di esperti incontra gli organi di governo della SUPSI e intervista un gruppo rappresentativo di docenti e ricercatori, studenti e alumni, personale tecnico e amministrativo sul sistema di garanzia della qualità.
  3. La terza fase è quella della procedura di valutazione che prevede la proposta di accreditamento da parte dell’Agenzia e la conseguente presa di posizione della SUPSI.
  4. La quarta fase vede la decisione da parte del Consiglio svizzero di accreditamento sulla base della proposta presentata dall’Agenzia. Il Consiglio può pronunciare l’accreditamento senza raccomandazioni, con raccomandazioni o respingerlo.
  5. La procedura si conclude con la pubblicazione da parte del Consiglio Svizzero di Accreditamento delle scuole che hanno ottenuto il diritto alla denominazione.

La SUPSI intende ottenere l’accreditamento istituzionale entro la fine del 2020.

Le indicazioni dell’Agenzia svizzera di accreditamento e garanzia della qualità serviranno alla SUPSI per identificare quali misure adottare nell’ottica di un continuo miglioramento del sistema di garanzia della qualità.