Archivi tag: Università degli Studi di Torino

Analisi delle esigenze formative per l’assistenza al paziente anziano oncologico nelle Case per anziani del Canton Ticino

Nei paesi occidentali è in progressivo aumento il numero di pazienti anziani oncologici, sia nei contesti acuti sia in quelli lungodegenti. Nelle strutture per anziani tale popolazione è molto eterogenea per prognosi e fase del percorso, con bisogni di cura specifici e complessi. L’obiettivo di questo studio è analizzare le esigenze formative sull’assistenza al paziente oncologico da parte del personale infermieristico delle case per anziani in Ticino.

Nella sola giornata della rilevazione, ben sei curanti su sette hanno assistito residenti con una diagnosi oncologica. Le situazioni più frequenti che il personale infermieristico si trova a dover gestire sono la cura dei sintomi (in particolare il dolore) e il sostegno emotivo. Questi ambiti sono anche quelli in cui i curanti riscontrano maggiori difficoltà.

Nonostante la metà dei partecipanti allo studio valuti positivamente il proprio livello di conoscenze in ambito oncologico, tre quarti sottolineano l’utilità di seguire delle formazioni su questi temi. L’autrice rimarca come lo sviluppo di interventi a partire dai temi emersi contribuirebbe a sviluppare le competenze specifiche dei diversi operatori per una migliore presa in carico dell’utenza oncologica.

Parala/e chiave

Case per anziani

Autore/i

Carla Pedrazzani

Ente/i

Università degli Studi di Torino
Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale (DEASS) – SUPSI

Periodo

2015 – 2016

Metodologia

Popolazione di riferimento: personale di 5 case per anziani (infermieri, operatori socio-sanitari, assistenti geriatrici e capi intermedi).
Campione: N=69.
Raccolta dati: questionari standardizzati.

Pubblicazioni

  •  Pedrazzani, C. (2016). Analisi delle esigenze formative per l’assistenza al paziente anziano oncologico nelle Case per anziani del Canton Ticino. Università degli studi di Torino e Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale SUPSI.