Archivi tag: Knowledge management

Rapporto flussi comunicativi AIL SA

Un’analisi dei flussi di comunicazione interni di AIL grazie all’uso di strumenti di Social Network Analysis

Descrizione

AIL è attiva nel settore della produzione e distribuzione dell’energia elettrica, sia da fonti fossili che rinnovabili, ed opera nella distribuzione di acqua potabile e gas.
Il suo mercato di riferimento sono privati e aziende del Sottoceneri, con focus nel Luganese, e i suoi prodotti sono distribuiti a circa 60 comuni.

AIL ha riscontrato la probabile presenza di un divario nella trasmissione delle comunicazioni interne all’azienda, in particolare tra quelle che partono dalla direzione operativa per raggiungere le singole unità operative, ma non possedeva la necessaria conoscenza dei processi comunicativi interni e non disponeva di elementi utili per poter intervenire e risolvere il problema. Un’analisi dei flussi comunicativi è risultata quindi utile per comprendere meglio la situazione e fornire ad AIL gli elementi necessari per elaborare decisioni riguardo eventuali misure correttive. Oltre a ciò, una visione d’assieme dello stato della comunicazione interna aziendale, è in grado di fornire preziose informazioni di carattere strategico.

L’obiettivo generale del progetto riguarda dunque l’analisi della rete comunicativa di AIL: attraverso la mappatura dell’attuale rete di comunicazione interna è stato difatti possibile fornire elementi utili per migliorare i flussi comunicativi aziendali.
Per raggiungere tale obiettivo, il team di progetto ha scelto di utilizzare la Social Network Analysis (SNA), strumento di analisi quantitativa che invece di focalizzarsi su caratteristiche e attributi degli individui analizzati, come per esempio quantità delle comunicazioni ricevute o inviate, si concentra sulle relazioni e i contatti che sussistono tra un gruppo di persone o un insieme di organizzazioni. Difatti, le relazioni che legano i vari soggetti possono essere di varia natura (legami di amicizia, legami d’amore, flussi di dati o materiali, per citarne alcuni) e rappresentano proprietà delle coppie e non caratteristiche dei singoli elementi.

Per la raccolta dei dati necessari alla SNA è stato sviluppato, in collaborazione con i referenti aziendali, un questionario elettronico. Lo stesso è stato inoltre utilizzato per rilevare informazioni utili all’azienda per questioni di organizzazione interna. I dati raccolti hanno permesso di ottenere una mappatura dei flussi comunicativi, di analizzare la rete sociale dell’azienda per diverse tipologie di comunicazione e di derivare i dati per la rete globale dei flussi comunicativi dell’azienda.

In base alle analisi effettuate è stato possibile affermare che all’interno dell’azienda esiste una fitta rete di flussi comunicativi: gli scambi avvengono sia verticalmente, lungo la linea gerarchica, sia trasversalmente. Tuttavia, nel complesso il quadro delle comunicazioni diverge da quello ipotetico determinato dall’organigramma.
Grazie ad una rappresentazione grafica della rete sociale, ordinata secondo la gerarchia aziendale, è stato possibile denotare un’elevata sollecitazione della Direzione generale dell’azienda, sia per quanto riguarda le comunicazioni in entrata che in uscita (in e outdegree). La Direzione presenta inoltre un’elevata betweenness, indice caratteristico di chi funge da ponte o da filtro fra le comunicazioni altrui. Data la struttura gerarchica dell’azienda, questo indice dovrebbe essere più elevato per i capi area. Si presuppone infatti che, di norma, essi fungano da mediatori per le comunicazioni fra i loro superiori e i loro subordinati, sgravando i primi da un sovraccarico di comunicazioni.
La struttura dei flussi comunicativi di AIL appare invece come potenzialmente appropriata per l’applicazione del knowledge management, e dunque per la costruzione di processi di creazione e condivisione della conoscenza in grado di generare valore per l’azienda.

Team di progetto

Fabio Furlanetto
Dardan Qerimi
Micaela Pizolli

Partner di progetto

AIL SA
Via Industria 2
6933 Muzzano
www.ail.ch

Referenti aziendali

Antonella Dettori – Responsabile organizzazione

Coach SUPSI

Filippo Sciaroni
Igor Francetic

Il capitale umano mette le ali

RUAG: valorizzare il sapere attraverso la gestione del personale

La conoscenza dei propri collaboratori e la valorizzazione del capitale umano come sorgente d’innovazione continua

Descrizione

I nuovi orientamenti strategici di RUAG Lodrino impongono all’organizzazione una più attenta gestione del capitale umano, che valorizzi l’individuo quale detentore di conoscenza (knowledge worker). Infatti il parziale disinvestimento delle attività relative al settore militare obbliga RUAG a perseguire nuove tipologie di innovazione sia graduali che incrementali, in particolare in nuovi mercati (settore dell’aviazione privata). In questo senso l’importanza riconosciuta alle persone nel contesto organizzativo quale sorgente d’innovazione, implica una maggiore attenzione ai sistemi e alle pratiche di gestione del capitale umano, fonti primarie di creazione, acquisizione e trasferimento di conoscenza. Continua a leggere