Archivi tag: contabilità

Integrazione della contabilità dei costi nel nuovo ERP

Sviluppo di un modello di cost accounting per Geomagworld SA

Descrizione

Geomagworld SA è un’azienda leader nel settore del giocattolo con sede in Svizzera che, dal 2008, produce e commercializza in tutto il mondo prodotti per grandi e piccoli, con l’obiettivo di stimolare la creatività e l’apprendimento attraverso la scienza della costruzione magnetica. L’azienda progetta e realizza tutti i suoi prodotti all’interno dello stabilimento di Novazzano, che è anche il quartiere generale del gruppo. La casa madre ha alle proprie dipendenze 55 collaboratori e consegue una cifra d’affari di circa CHF 15 milioni.
La distribuzione dei prodotti all’estero avviene per il tramite di affiliate in Italia, UK, USA, Giappone e Australia, nonché attraverso distributori indipendenti. Il mercato Svizzero e quello online sono gestiti dalla casa madre di Novazzano.

Geomagword SA si è dotata di un sistema ERP che permette al management di gestire automaticamente le principali fasi operative. I costi di produzione sono gestiti direttamente dal direttore di produzione tramite un modello che ha sviluppato su un supporto Excel. I costi di produzione determinati dal direttore responsabile sono poi ripresi e rielaborati manualmente in contabilità.

Nell’ambito del progetto di implementazione del nuovo sistema gestionale occorre verificare la possibilità di integrare la gestione dei costi nella nuova soluzione informatica. L’incarico del progetto consisteva quindi nello sviluppo di un modello di cost accounting che consenta alla direzione della società di automatizzare la raccolta delle informazioni sul comportamento e l’incidenza dei costi di produzione e complessivi sui vari prodotti (o linee di prodotto).
Per raggiungere tale scopo, è risultato molto importante per il team di progetto comprendere la struttura e il funzionamento dei processi aziendali in modo da allocare correttamente i costi alle entità “amministrative” che li causano (centro di costo, reparti, cost pool, ecc.) e stabilire, sulla base di un principio di causalità, i coefficienti per allocare i costi alle varie unità finali di imputazione. Sulla base dei dati del periodo contabile 1.4.2017-31.3.2018, l’azienda desiderava poter determinare la redditività, così come il costo totale e unitario delle linee di prodotto o dei prodotti che compongono una singola linea di prodotto. I risultati ottenuti saranno strumentali alla definizione di costi standard che verranno utilizzati per le verifiche degli anni futuri.

Team di progetto

Federico Caspani
Milena Goceva
Ilaria Paccani

Partner di progetto

Geomagworld SA
Via Roncaglia 15
6883 Novazzano
www.geomagworld.com

Referenti aziendali

Sabrina Trevisan – Responsabile amministrativa

Coach SUPSI

Claudio Cereghetti

Conversione dei conti annuali a Swiss GAAP FER – AIL SA

Implicazioni e criticità di un passaggio da una contabilizzazione conforme al codice delle obbligazioni ad una secondo gli standard Swiss GAAP FER

Descrizione

Gli Swiss GAAP FER sono una tipologia di raccomandazioni concernenti la presentazione dei conti, la cui esistenza è dovuta alla volontà di migliorare la comparabilità dei conti annuali e di adeguare ai normali livelli riconosciuti internazionalmente il contenuto informativo del rendiconto svizzero. Grazie a questi standard i conti annuali di un’azienda seguono il principio “true & fair view”, ciò significa che rappresentano una visione maggiormente chiara e fedele dello status patrimoniale, finanziario e reddituale della società. La funzione principale della chiusura annuale secondo Swiss GAAP FER è dunque di carattere informativo, diventando così utile per prendere decisioni manageriali.
Tutt’oggi le raccomandazioni Swiss GAAP FER sono già parecchio utilizzate dalle maggiori aziende del settore e sempre più sovente nuove aziende numericamente importanti intendono aderirvi.
Queste raccomandazioni non sono una vera e propria legge, ma bensì una soft-law. Ciò significa che per le aziende non quotate come AIL SA l’applicazione avviene su base volontaria, mentre per società quotate alla SIX Swiss Exchange nel Domestic Standard, le società immobiliari e le società che emettono diritti di credito, a partire dal 2005, Swiss GAAP FER rappresenta lo standard minimo.

Il presente lavoro ha come scopo quello di convertire i conti annuali delle Aziende Industriali di Lugano (AIL) SA dall’attuale contabilizzazione conforme al codice delle obbligazioni (CO) ad una contabilizzazione secondo gli standard Swiss GAAP FER, mettendo in luce le implicazioni e le criticità a cui dovrebbe far fronte l’azienda con l’implementazione di tali raccomandazioni.

Per raggiungere tale obiettivo sono stati analizzati i conti dell’azienda e la loro valutazione attuale, per poi arrivare ad esporre una proposta di conto annuale 2015 secondo FER.
Grazie alle analisi svolte è emerso che la presentazione dei conti annuali secondo le direttive Swiss GAAP FER all’esterno dell’azienda implica delle criticità. Prima fra tutte, l’implementazione della tenuta contabile secondo le direttive Swiss GAAP FER attirerebbe l’attenzione degli stakeholders esponendo a bilancio utili superiori rispetto a quelli pubblicati di consueto e spingendo gli azionisti a chiedere dividendi extra. Inoltre, essa potrebbe creare malcontenti riguardo al metodo di determinazione del costo storico delle infrastrutture usata da AIL. Sebbene a livello formale la determinazione del costo storico delle infrastrutture può essere definita una zona grigia (specialmente considerando la ripresa delle infrastrutture da parte di una nuova entità giuridica), eticamente sembra evidente che fatturare interamente o parzialmente ai consumatori quanto già da loro sostenuto tramite il computo degli ammortamenti nei costi di rete (rivalutazione degli impianti) sia un forte indizio di erronea applicazione del principio di costo storico. Situazione questa avvenuta durante la rivalutazione degli immobilizzi materiali nel 2000.
Una contabilizzazione secondo gli standard Swiss GAAP FER creerebbe poi costi aggiuntivi, in quanto supplemento alla contabilità ordinaria presentata annualmente al fisco per la dichiarazione d’imposta.
Nonostante la presenza di criticità, utilizzare le FER come norma di riferimento per l’allestimento dei conti consolidati può rappresentare un beneficio per l’azienda, in quanto i documenti redatti secondo tali raccomandazioni possono essere utili per scopi interni all’azienda (ad esempio a scopo informativo) oppure in caso di analisi aziendale e/o creditizia e non vanno necessariamente pubblicati.

Team di progetto

Jonas D’Andrea
Karin Mantegazzi
Simone Sallustro

Partner di progetto

AIL SA
Via Industria 2
6933 Muzzano
www.ail.ch

Referenti aziendali

Lucas Bächtold – Codirettore, Responsabile finanze

Coach SUPSI

Claudio Cereghetti

Conti consolidati e la gestione del gruppo d’imprese

Allestimento di un conto annuale consolidato del gruppo TCPOS e creazione di strumenti per la sua gestione

Descrizione

TCPOS SA è un’impresa di medie dimensioni la cui attività principale consiste nello sviluppo e nella vendita di software e hardware per sistemi logistici e di cassa.
Dopo aver riscontrato uno sviluppo del proprio business, l’azienda ha reagito alle necessità del mercato espandendosi a livello nazionale e globale, non solo attraverso collaborazioni con partner locali ma anche costituendo proprie sedi in Germania e in Francia.

L’internazionalizzazione del gruppo TCPOS ha creato varie complessità legate alla gestione delle entità che lo compongono e alla valutazione delle prestazioni aziendali, tra cui la necessità di implementare degli strumenti contabili che consentano all’azienda di ottenere informazioni oggettive riguardo la situazione economico-finanziaria del gruppo e che, al contempo, rappresentino un valido supporto al management nel processo di delineazione della strategia aziendale.
In tale ottica, al team di progetto è stato richiesto di allestire il conto annuale consolidato del gruppo TCPOS e di creare degli strumenti che permettano una sua più efficace ed efficiente gestione. Attualmente, difatti, l’azienda non allestisce un conto annuale consolidato nel vero senso del termine. Essa ricava semplicemente il risultato di gruppo, eliminando le principali operazioni intercompany, e verifica i saldi reciproci con le sue società controllate.

Dopo una contestualizzazione dello stato attuale del gruppo, durante la quale sono state analizzate le varie norme contabili e legali e raccolti i documenti necessari, si è proceduto alla traduzione dei conti esteri e alla creazione di una struttura di bilancio e di un conto economico omogeneo per tutto il gruppo TCPOS.
Una seconda fase ha previsto l’oggettivazione dei conti di TCPOS Svizzera, nei quali erano presenti riserve occulte, l’aggregazione dei conti e le rettifiche di consolidamento.
Parallelamente sono stati elaborati dei documenti di supporto per garantire una gestione del gruppo maggiormente efficace e per facilitare l’allestimento del conto annuale consolidato in futuro: si tratta del manuale di consolidamento e di un documento per la verifica delle operazioni intercompany.
In aggiunta a tali documenti è stato elaborato un file per il raffronto dei principali indici di analisi contabile, al fine di monitorare in maniera ancora più efficace l’andamento del gruppo e delle singole imprese che lo costituiscono.

Team di progetto

Barbara Biava
Daniele Giovannini
Yuri Wismer

Partner di progetto

TC POS SA
Via Cantonale 2c
6928 Manno
www.tcpos.com

Referenti aziendali

Davide Falchetti – Responsabile contabilità finanziaria

Coach SUPSI

Claudio Cereghetti